Bonus sicurezza casa: di cosa si tratta e chi può ottenerlo, molti non lo sanno perdendo la detrazione

Confermato fino al 2024 il bonus sicurezza per gli interventi da effettuare in casa contro ladri e malintenzionati. Ecco come ottenere la detrazione.

Il bonus sicurezza rientra nel bonus ristrutturazioni casa ed è prorogato sia per il 2023 sia per il 2024.

bonus sicurezza
InformazioneOggi

Chiamato anche bonus allarme e bonus antifurto consiste in una detrazione fiscale sulle spese sostenute per l’acquisto di dispositivi di allarme e non solo.

Bonus sicurezza casa: di cosa si tratta e chi può ottenerlo, molti non lo sanno è perdono la detrazione

L’Agenzia delle Entrate spiega che nel bonus sicurezza rientrano tutti gli interventi che possono riguardare le misure finalizzate a prevenire il rischio di furto o aggressione da parte di terzi.

Leggi anche “Ladri in casa, come “fregarli” in 3 mosse e salvare il bottino (sperando non leggano i ladri)

Quindi la detrazione fiscale del 50% riguarderà l’installazione di allarmi, casseforti, porte blindate, sistemi di antifurto, videosorveglianza. La spessa massima da non superare è 96mila euro. Il rimborso avviene sotto forma di detrazione Irpef con 10 quote annuali di pari importo. La scadenza del bonus sicurezza è il 31 dicembre 2024.

In sintesi, possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti persone fisiche residenti in Italia e che siano proprietari dell’immobile o meno. La detrazione fiscale è applicabile solo per le sostenute per gli interventi di installazione e non per i contratti di vigilanza. Inoltre, non è legata, a differenza degli altri bonus casa, a interventi di ristrutturazione edilizia.

Infine, copre le spese per:

  • sostituzione, miglioramento o installazione di cancellate o recinzioni;
  • installazione di grate alla finestra o loro sostituzione;
  • porte blindate;
  • installazione di rilevazione di apertura e di effrazione sui serramenti;
  • sostituzione o miglioramenti di serrature, lucchetti, catenacci e spioncini;
  • tapparelle metalliche con bloccaggi;
  • vetri antisfondamento;
  • fotocamere con centri di vigilanza.

Come richiedere la detrazione

Per ottenere l’agevolazione fiscale è necessario che il contribuente conservi tutta la documentazione riguardante le spese sostenute, compreso la ricevuta del bonifico. Nella causale bisognerà inserire:

  • il beneficiario del bonus;
  • la partita IVA della ditta che ha effettuato i lavori di installazione;
  • la causale del versamento secondo il decreto del presidente della repubblica (DPR) numero 917 del 1986 (articolo 16-bis);
  • l’importo totale che, come ricordato, non deve superare i 96mila euro.

La detrazione potrà essere richiesta nella dichiarazione dei redditi e come anticipato sarà erogata in 10 rate annuali.