Avete visto la Ferrari Daytona SP3? E’ l’auto più bella al mondo (FOTO)

La Ferrari Daytona SP3 è stata eletta la vettura più bella sulla terra. Le sue caratteristiche sono uniche, esattamente come le performance.

E’ difficile rintracciare nella storia del marchio fondato da Enzo Ferrari un modello sgradevole. Le auto prodotte a Maranello sono quasi tutte da 10 in pagella, ma vi sono esemplari special che sono entrate di diritto nella storia del brand del Cavallino. I successi in pista della Scuderia, negli anni d’oro, hanno aiutato a creare una immagine mitica del marchio. Non solo le vetture sono migliorate in modo esponenziale sul piano della sicurezza, ma hanno anche inglobato il know-how della categoria regina del Motorsport e di tutti i grandi campioni che hanno scritto pagine indelebili.

Ferrari Logo (Adobe Stock)
Ferrari Logo (Adobe Stock)

Piloti come Schumacher, Alonso e tanti altri fenomeni hanno reso possibile la creazione di auto stradali estreme. Il bagaglio di conoscenze fatte in Formula 1 è stato trasferito sulle vetture iconiche del Cavallino. La Daytona SP3 è un gioiello per pochissimi eletti che è già entrato nel cuore dei fan della Ferrari. I 599 esemplari prodotti della nuova supercar sono già stati tutti venduti. Il nome dell’auto non è casuale e i più esperti di Motorsport hanno bene in mente la storia della Rossa sull’iconico tracciato americano. Alla 24 Ore di Daytona del 1967 la Ferrari riuscì a salire con tre vetture sul podio nella prima gara del Campionato Mondiale Sport Prototipi.

La 330 P3/4, la 330 P4 e la 412P furono in grado di sbaragliare la concorrenza, superando la bandiera a scacchi sotto lo sguardo allibito dei rivali. Le mitiche Sport Prototipi anni ’60 hanno lasciato un segno indelebile nello stile classico delle vetture di Enzo Ferrari. La Daytona SP3, facente parte dell’esclusivo segmento Icona a edizione limitata, è stata concepita per omaggiare gli Sport Prototipi Ferrari V12 a motore centrale-posteriore che ottennero risultati stupefacenti. Il successo nel 1967 sul circuito americano rappresentò solo il primo di una sfilza di traguardi incredibili raggiunti in seguito dalle vetture italiane nelle più importanti gare al mondo nelle serie a ruote coperte.

La Ferrari ha puntato con decisione alla creazione della Daytona SP3, dopo i riconoscimenti ottenuti con la Monza SP1 ed SP2. Lo stile retrò, reinterpretato in chiave moderna, è stato accolto con entusiasmo dalla critica. I modelli special hanno quasi messo in secondo piano le new entry del listino Ferrari. La carta della nostalgia è stata giocata con astuzia per risvegliare l’animo dei ferraristi. Il passato è miscelato ad un futuro all’avanguardia, in perfetto stile Ferrari. L’armonia del classico è, perfettamente, inquadrato nell’epoca moderna, anche grazie ad un lavoro tecnologico straordinario.

Slanciata e cattiva anche da fermo, la Daytona SP3 è un’auto per collezionisti. Uno degli elementi di maggiore personalità della supercar è il design degli specchietti retrovisori che sono posizionati, direttamente, sopra i parafanghi anteriori. La plancia è caratterizzata da una strumentazione digitale con display da 16 pollici con comandi a sfioramento posti sul volante. L’auto è estrema come si evince dai sedili fissati, direttamente, al telaio. La supercar appare uscita da una navicella spaziale, seppur presenti dei rimandi al dolce periodo dei super prototipi della Rossa degli anni ’60. La mitica Ferrari 330 P4, in contrapposizione alla storica rivale Ford GT40, ha ispirato i designer del brand.

Ferrari premiata per il suo gioiello

Le prestazioni sono da brividi. Con 840 cavalli a 9.500 giri/min il bolide raggiunge i 340 km/h, con uno scatto da 0 a 100 km/h in 2,85 secondi e da 0 a 200 in 7,4. La supercar è spinta da un V12 a benzina di sei litri e mezzo che canta in modo divino. La giuria di esperti del Festival Automobile International di Parigi ha assegnato il premio Most Beautiful Supercar 2022 alla Daytona SP3. Il direttore del Centro Stile Ferrari Flavio Manzoni ha, inoltre, avuto l’onore di ricevere il Grand Prize of Design.

Flavio Manzoni, Chief Design Officer della casa italiana, ha annunciato: “Questi due importantissimi riconoscimenti testimoniano in maniera inequivocabile la qualità e l’eccellenza raggiunte dal lavoro del Centro Stile Ferrari, che ho l’onore di dirigere, nonché la raffinatezza della ricerca formale operata sulla Daytona SP3”. Tutti gli esemplari sono stati venduti a 2 milioni di euro. La cosa che vi sarà sorridere è che 499 dei 599 acquirenti della Daytona hanno, nel loro garage, già una Monza.

Per i collezionisti una vettura del genere è, assolutamente, un must have. Nel corso dei prossimi anni il suo valore sarà ancora più alto. Trova una “Ferrari 288 GTO” a pezzi: la trasformazione è totale (VIDEO). Ferrari F40 torna rivisitata? Guardate che spettacolo (VIDEO).Possedere un’auto del genere è un privilegio unico. Vi lasciamo alle immagini mozzafiato dell’ultima nata a Maranello. I premi sono, assolutamente, meritati.