Redditi da lavoro autonomo per i titolari di pensioni: obblighi da rispettare entro il 30 novembre

I titolari di pensioni possono svolgere attività di lavoro autonomo, ma attenzione agli obblighi previsti dalla legge. In particolare un recente messaggio Inps ricorda gli adempimenti in merito alla dichiarazione dei redditi entro fine novembre. 

Lavorare pur incassando una pensione, avendone maturato i requisiti, è possibile.

pensioni
canva

E ciò ben si comprende oggi a maggior ragione, in un’epoca in cui i trattamenti previdenziali – in molti casi – non hanno un elevato ammontare e non consentono di rispondere agevolmente ai rincari e al boom bollette e inflazione. Ecco perché c’è chi, se in grado di contare su un livello di salute che lo consente, preferisce continuare a lavorare anche dopo la pensione.

Ciò è dunque possibile, ma attenzione: i titolari di pensioni che compiono un’attività di lavoro sono obbligati a precisi adempimenti e a una dichiarazione che, se non inviata nei termini previsti, conduce a pesanti sanzioni. Perciò come funzionano le regole per le attività autonome dei pensionati? Quali aspetti non bisogna dimenticare? Cerchiamo di fare chiarezza di seguito, nel corso di questo articolo.

Redditi da lavoro autonomo e pensioni: il rilievo del d. lgs. n. 503 del 1992

Su questi temi è di primario rilievo il d. lgs. n. 503 del 1992, ovvero un testo recante norme per il riordinamento del sistema previdenziale dei lavoratori privati e pubblici. Esso indica all’art.10 il divieto di cumulo della pensione con i redditi da lavoro autonomo. Ed in particolare il testo indica che i titolari di pensioni sono obbligati a far pervenire all’ente pensionistico la dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo collegati all’anno anteriore. Il termine è quello previsto per la dichiarazione dei redditi per la categoria, ovvero il prossimo 30 novembre.

In altre parole, i titolari di pensione con decorrenza inclusa entro lo scorso anno, sono tenuti a dichiarare entro il 30 novembre di quest’anno i redditi da lavoro autonomo incassati l’anno passato. Altrimenti vanno incontro a conseguenze sanzionatorie.

Conferma di ciò in un recente messaggio Inps, il n. 4101/2022, con cui l’istituto di previdenza – oltre che ricordare l’adempimento, dà vari chiarimenti in ordine all’individuazione dei pensionati obbligati alla comunicazione dei redditi da lavoro autonomo, ottenuti lo scorso anno.

Importante inoltre rimarcare che i titolari di pensioni che non effettuano la dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo, saranno poi obbligati a pagare all’ente della previdenza di appartenenza una somma uguale all’ammontare annuo della pensione incassata nell’anno al quale si collega la dichiarazione dei redditi in oggetto. La somma sarà trattenuta dalle rate di pensione, che sarebbero erogate all’autore della violazione.

Pensionati che debbono rispettare l’obbligo di dichiarazione dei redditi e pensionati esclusi

Sono invece esclusi dall’obbligo di dichiarazione, perché ad essi non si applica il divieto di cumulo del trattamento previdenziale con i redditi da lavoro autonomo, le seguenti categorie di persone:

  • i percettori di pensioni di vecchiaia liquidate con il metodo contributivo;
  • i titolari di pensioni e assegni di invalidità aventi decorrenza compresa entro il 31 dicembre 1994;
  • i titolari di pensione di anzianità e di trattamento di prepensionamento a carico dell’AGO e delle forme sostitutive ed esclusive della stessa, perché dal primo gennaio 2009 dette prestazioni sono cumulabili con i redditi da lavoro in modo integrale;
  • i percettori di pensioni o assegni di invalidità a carico dell’AGO dei lavoratori dipendenti, delle forme di previdenza esonerative, esclusive, sostitutive della stessa, delle gestioni della previdenza degli autonomi con un’anzianità contributiva uguale o maggiore di 40 anni.

Conseguentemente coloro che, tra i pensionati, non sono in una delle condizioni summenzionate, dovranno fare la comunicazione dei redditi da lavoro autonomo, entro mercoledì 30 novembre.

Pensioni e dichiarazioni redditi lavoro autonomo: le modalità

Non bisogna dimenticare che i redditi da lavoro autonomo dei pensionati dovranno essere dichiarati:

  • al netto dei contributi previdenziali e assistenziali;
  • al lordo delle ritenute erariali dello Stato.

Gli obbligati dovranno fare la dichiarazione reddituale secondo una delle seguenti modalità:

  • attraverso CAF o altri soggetti abilitati;
  • online sul sito www.inps.it, tramite autenticazione con SPID , CIE o CNS, accedendo così ai Servizi online per il cittadino;
  • o ancora tramite il Contact Center Multicanale, numero di riferimento 803 164 (a costo zero da rete fissa) o 06 164 164 (da rete mobile con costi diversi sulla scorta del piano tariffario del proprio gestore telefonico), ma facendo sempre l’autenticazione via identità digitale. Ricordiamo che il servizio è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 20, e il sabato dalle ore 8 alle ore 14.

Colui che è obbligato alla dichiarazione redditi lavoro autonomo, in virtù delle regole sul divieto di cumulo con le pensioni, dovrà altresì ricordare che – siccome le trattenute delle quote di pensione non cumulabili con i redditi da lavoro autonomo sono compiute in via provvisoria dagli enti previdenziali sulla base della dichiarazione dei redditi che i pensionati prevedono di incassare nel corso dell’anno, i dichiaranti sono altresì obbligati a rilasciare all’ente previdenziale competente una dichiarazione preventiva collegata al reddito che prevedono di incassare quest’anno.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Le trattenute che saranno fatte sulla pensione ‘a preventivo’, verranno poi conguagliate sulla scorta della dichiarazione reddituale valevole per il periodo d’imposta 2022, a consuntivo il prossimo anno.