Eliminare Pulci e Zecche con metodi semplici: mai più punture dolorose e pericoli per la salute

Eliminare Pulci e Zecche dalle nostre case significa proteggerci e proteggere i nostri amici a quattro zampe. Ecco perché e come fare.

Tra gli insetti più fastidiosi e malsani che possiamo trovare nelle nostre case ci sono le Zecche e le Pulci. Eliminarle in tempo è fondamentale per evitare un’invasione e soprattutto per non incorrere in problemi di salute.

Eliminare Pulci e Zecche
Canva

Infatti oltre a essere ributtanti, pulci e zecche ci portano batteri e malattie. E non risparmiano i nostri amici a quattro zampe. E non dimentichiamoci che sono insetti pericolosamente prolifici, ed esiste il rischio concreto di trovarsi di fronte ad un’invasione difficilissima da debellare.

Ma come fare a riconoscere la puntura di questi animaletti infestanti? Ecco qualche informazione utile e anche come preparare dei rimedi semplici per preservare le nostre case.

Punture delle Pulci e morsi da Zecca, come riconoscerle e cosa fare

Una volta che abbiamo le pulci in casa è probabile che attacchino anche noi, e non soltanto il nostro cane o gatto. Questi insetti si nutrono di sangue e – nell’uomo – pungono soprattutto gli arti inferiori. Inizialmente il segno lasciato dal loro passaggio può sembrare quello di una puntura di zanzara. Ma solitamente le pulci ne causano di molteplici in una volta sola, e si riconoscono perché “in fila” o a grappoli.

Non solo: la puntura di zecca è molto pruriginosa, e causa un forte disagio. I pericoli insiti nei morsi di questi insetti risiedono nella facilità di infezione delle parti lese. Non è raro che una persona aggredita da pulci manifesti eritemi alla pelle, escoriazioni, reazioni allergiche e infiammazioni di vario tipo. Nei soggetti con la pelle più delicata si possono formare anche delle vescicole.

Chi pensa che sia tutto qui si sbaglia di grosso. Le pulci portano con sé numerosi patogeni potenzialmente mortali sia per gli animali che per l’uomo. Parliamo di Yersinia pestis, che causa la Peste. Oppure del batterio Rickettsia typhi, responsabile dell’insorgenza del Tifo Murino. O ancora, del Francisella tularensis, noto come il batterio che causa la “febbre del coniglio”.

Per quanto riguarda le Zecche, i loro morsi sono notoriamente portatori di malattie anche gravi, come la Meningoencefalite, che può portare a cefalee persistenti, paralisi, attacchi epilettici e disturbi psichici. Non dimentichiamoci della malattia di Lyme, e di tutte le infezioni batteriche che possono scaturire da una zecca infetta.

Le zecche prediligono succhiare sangue nelle zone calde e umide del corpo, come ad esempio ascelle, inguine e cuoio capelluto. La zecca rimane all’interno della parte colpita per continuare a nutrirsi, quindi è probabile che in caso di attacco noteremo l’insetto dentro alla ferita.

Eliminare Pulci e Zecche con metodi semplici

Se ne evince che non appena intravediamo una pulce o zecca in casa è bene agire subito, ed evitare che prolifichino in modo irreversibile. Possiamo agire su più fronti, anche senza spargere per la casa disinfestanti chimici. Che potrebbero nuocere ai nostri amici animali, e più che mai ai bambini piccoli.

Per le pulci esiste un sistema semplice ma efficace, anche se bisogna attuarlo per un lungo periodo di tempo. In modo da essere sicuri di averle debellate tutte. Dobbiamo sistemare dei piatti bianchi – le pulci sono attratte dai colori chiari – nei punti dove sospettiamo la loro presenza. Riempiamo i piatti fondi per metà con dell’acqua e poi qualche goccia di detersivo per i piatti. Le pulci amano anche l’umidità. Salteranno nel piatto ma, invischiate col sapone, non riusciranno ad uscire.

Cambiamo l’acqua ogni volta che serve e continuiamo a tenere diversi piatti in giro per la casa fino a che per diversi giorni consecutivi non troviamo più pulci al loro interno.

In alternativa possiamo creare uno spray in modo facile, che ci servirà anche per eliminare le zecche. Procuriamoci 250 ml di detersivo per piatti; 500 ml di aceto di mele; due cucchiai di chiodi di garofano e un bicchiere d’acqua.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Mettiamo l’acqua sul fuoco e quando bolle aggiungiamo i chiodi di garofano; continuiamo la cottura per una decina di minuti. Nel mentre, mescoliamo insieme l’aceto e il detersivo per piatti. Spengiamo l’acqua e lasciamo raffreddare, poi aggiungiamo aceto e detersivo. Mescoliamo il tutto e poi trasferiamolo in uno spruzzino. Nebulizziamo più volte le zone dove pensiamo si nascondano pulci e zecche.