Bonus stufa a pellet: il contributo per affrontare l’inverno, ma non è per tutti

In vista dei rincari delle bollette del gas per l’aumento delle tariffe in molti cercano soluzioni alternative come la stufa a pellet.

Considerata una fonte di energia di risparmio, negli ultimi mesi la stufa a pellet ha visto degli aumenti a causa del pellet.

stufa a pellet
Canva

Ricordiamo che il pellet si forma dagli scarti del taglio degli alberi non trattati che, fatti poi essiccare, vengono lavorati per dare la tipica forma tubolare.

Bonus stufa a pellet: il contributo per affrontare l’inverno, ma non è per tutti

L’Italia non produce da sé il pellet ma questo è importato da altri paesi europei compreso, anche se in minima percentuale, i paesi dell’Est. A causa del conflitto tra Russia e Ucraina le importazioni sono diminuite e, di conseguenza, reperire il materiale per alimentare questo tipo di stufa è diventato costoso.

Basta pensare che prima del conflitto il prezzo del pellet ci aggirava intorno ai 5 euro per un sacco di 15 chili. Ora, invece, costa tra i 10 e i 15 euro per la stessa quantità di materiale. La stufa a pellet è considerata un degno sostituto della caldaia a gas o a metano. Ed è, quindi, scelta da molte persone per la sostenibilità ambientale.

Con lo scopo di incentivare un prodotto a basso impatto ecologico esiste un bonus per l’acquisto e l’installazione di stufe a pellet.

Per dovere di cronaca è necessario specificare che non si tratta di un vero bonus ma di una detrazione fiscale di cui usufruire. Detrazione legata a due bonus edilizi: Ecobonus e bonus ristrutturazione.

Con il primo si usufruisce di una detrazione del 65% fino a un massimo di 30mila euro. Si può ottenere questa detrazione solo sugli interventi di riqualificazione energetica per immobili già iscritti al catasto.

Invece, sfruttando il bonus ristrutturazione fino a un massimo di 96mila euro si può usufruire della detrazione fiscale del 50%. La stufa però deve avere un rendimento energetico non inferiore al 70%.

Si ricorda che per utilizzare il bonus l’acquisito e l’installazione devono avvenire entro il 31 dicembre 2022.

Regione Lombardia: contributo di 12 milioni di euro

La Regione Lombardia per incentivare l’acquisto e l’installazione di stufe a pellet ha stanziato un contributo di 12 milioni di euro a fondo perduto.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Attenzione però, la domanda per ottenere questi contributi scade il 15 settembre. Non solo. Non è diretta a tutti i cittadini della Lombardia, ma solo a coloro che ne hanno fatto richiesta al GSE dopo l’approvazione del contributo da parte della Giunta regionale. Quindi dopo il 30 novembre 2021.