Alluminio, il protagonista di queste feste: ecco come gettarlo

alluminio

Diciamoci la verità: soprattutto le vaschette di alluminio sono state una vera benedizione durante queste feste di Natale. Il vantaggio di averle comprate e di averci cucinato dentro sta nel fatto che poi non bisogna lavarle come nelle normali stoviglie. Certo, questo non toglie che possono essere sempre riutilizzate, ma anche di essere tranquillamente gettate via. Eppure, assieme alle lattine e altri prodotti di questo genere, bisogna saper smaltire nel modo giusto l’alluminio. Le feste, la casa piena di parenti e l’euforia del momento che ci porta a fare tutto di fretta, potrebbero compromettere anche la raccolta differenziata. Sebbene l’alluminio sia riciclabile al 100%, è doveroso, però, saperlo gettare via senza provocare danni all’ambiente.

L’alluminio e le regole fondamentali per non sbagliare quando lo si butta via

La raccolta differenziata è una cosa molto seria e non significa solo prendere carta, plastica e alluminio e separarli. No, anzi, vuol dire molto di più: precisione e una grande attenzione. Dentro questo grande discorso generale, rientrano anche tutti i prodotti in alluminio, come le lattine, le vaschette e vari contenitori di ogni tipo.

Iniziando proprio dal genere di prodotti realizzati in alluminio, di questo fanno parte anche le scatolette del tonno, i barattoli, il foglio dell’involucro del cioccolato. Ma anche i coperchi e la carta stagnola. Comprendere nel modo giusto quanti oggetti facciano parte di tale macro ambiente è un importante passo avanti che ci permette di procedere nella giusta direzione.

Un secondo step per smaltire al meglio l’alluminio è attenersi a quanto viene riportato nelle indicazioni del comune di residenza. Ad esempio, alcuni invitano i cittadini a smaltire l’alluminio nella plastica, altri nel vetro. In seguito, saranno gli addetti a procedere nel modo più giusto.

Le ultime mosse da seguire per non farsi distrarre

Prima, però, di gettare via vaschette, lattine, contenitori e via discorrendo, è bene pulirli. Questo non vuol dire che bisogna per forza sciacquarli con dell’acqua, ma semplicemente rimuovere i residui presenti in essi. Altra importante regola è che non bisogna mai sorvolare sui prodotti più piccoli fatti in alluminio.

Ad esempio, i tappi, i coperchi dello yogurt e le linguette delle lattine devono essere smaltiti insieme ai grandi prodotti. Infatti, è errato pensare che, purché piccoli, questi possano essere gettati ovunque senza generare chissà che problema.

Questa quarta osservazione, di conseguenza, si lega alla quinta. Nel momento della raccolta differenziata è bene appallottolare tra di loro tali prodotti in alluminio. In questo modo, non si perderanno quelli piccoli evitando, così, di danneggiare l’ambiente anche se non sembra.

Infine, segnaliamo alcuni rimedi semplici da adoperare contro il cattivo odore di frittura e non solo.

Di Katia Russo

Ciao, sono Katia, sono laureata in Lettere Moderne presso l’Università di Salerno e attualmente sto continuando il percorso magistrale. Sono una grande curiosona, mi piace conoscere e trasmettere quante più notizie originali riesco a trovare. Adoro leggere, scrivere, disegnare, il cinema, la musica, l’arte e la cultura.