Superbonus 110%: la verifica del 60% dei lavori non implica tutti i lavori, ultimi chiarimenti dell’Agenzia

Superbonus per la verifica della realizzazione dei lavori la 60 per cento, per poter beneficiare del temine maggiore del 110%, risulta rilevante l’intervento complessivamente considerato e non i singoli interventi specifici. A precisare questo particolare è l’Agenzia delle Entrate nell’interpello alla risposta n. 791/2021. Inoltre, l’Agenzia in linea con i chiarimenti forniti alle risposte più frequenti, ha aggiornato le procedure web e i moduli per l’invio della comunicazione per l’opzione di cessione del credito o sconto in fattura.

Superbonus 110%: la verifica del 60% dei lavori non implica tutti i lavori

L’Agenzia delle Entrate nell’interpello n. 791 del 2021, per la verifica della realizzazione del 60 per cento dei lavori, risulta importante l’intervento complessivamente considerato e non quello riguardante gli specifici interventi.

Infine, l’Agenzia ha aggiornato le procedure telematiche per l’inoltro della comunicazione d’opzione per lo sconto in fattura e la cessione del credito a terzi. In questo modo si sblocca l’invio delle comunicazioni relative alle opzioni operate entro l’11 novembre 2021.

>>>Superbonus 110% e cessione del credito tramite il Sal, i chiarimenti sul 30%

Da come evidenza l’Agenzia nelle Faq aggiornate al 22 novembre 2021, l’aggiornamento si è reso necessario dopo l’emanazione del Decreto Antifrodi (D.L. 157/2021).

Il Decreto Antifrodi stringe i tempi per la cessione del credito fiscale da bonus edilizi con l’asseverazione e visto di conformità delle spese. Le comunicazioni devono essere inviate non oltre il 16 marzo 2022. Infatti, serve la congruità delle spese, ma al momento manca il decreto ministeriale che ne stabilisce i valori e rischia di essere pubblicato a ridosso del termine di invio.

>>>Appartamenti in condominio sprovvisti di impianto termico, è possibile accedere al Superbonus 110?