Comprare casa o rimanere in affitto: agevolazioni per gli under 36

Poter comprare casa è un po’ il sogno di tutti, ma per molti spesso rimane qualcosa di irrealizzabile. Infatti, ci sono molte cose da valutare prima di affrontare un passo del genere. Questo è vero soprattutto quando si è giovani e si ha un lavoro precario, non a tempo indeterminato. I giovani possono essere intimoriti nel richiedere un mutuo dall’anticipo richiesto, dai vari passaggi burocratici da fare, dalle spese di gestione della procedura di acquisto stesso. E così, molte volte, i giovani ripiegano sull’affitto di un appartamento, rinunciando a comprare casa. Qualcosa, però, negli anni è cambiata e adesso ci sono nuove possibilità col Decreto Sostegni bis. Vediamo di che si tratta.

Comprare casa o rimanere in affitto: agevolazioni per gli under 36 grazie al Decreto Sostegni bis

In questi anni le banche hanno iniziato a proporre dei mutui agevolati per favorire l’acquisto di una casa, talvolta arrivando anche a mutui al 100%. Contemporaneamente, anche il Governo ha previsto degli incentivi interessanti. Il Decreto Sostegni bis, in particolare, prevede un fondo di Garanzia Mutuo Prima Casa per gli under 36.

Si tratta di una proposta rivolta a giovani con meno di 36 anni, nel caso si tratti di una coppia basta che almeno uno dei due rispetti il limite di età. Per loro il Decreto prevede di poter accedere ad un mutuo al 100% se l’acquisto viene fatto entro il 30 giugno 2022, se si tratta di una prima casa del valore che non superi i 250mila euro, e se il reddito Isee non supera i 40mila euro. È lo Stato che dà la garanzia sul mutuo con tassi calmierati, attualmente i tassi sono poco sopra l’1%.

Leggi anche>>>Bonus giovani e mutuo prima casa per gli under 36, è già possibile presentare la domanda

Comprare potrebbe essere più vantaggioso

Se si fanno due conti, allora, si può scoprire che al momento acquistare può essere più vantaggioso di rimanere in affitto. Infatti, volendo considerare un caso tipo, verifichiamo che, per un appartamento di 60-80 mq2, in una zona abbastanza centrale di Roma, di affitto si paga all’incirca 700-900 euro mensili. Il costo di acquisto per un immobile della stessa metratura è di circa 230mila euro.

Facendo un mutuo di 30 anni, con un Tasso Fisso all’1,15% ed un Taeg all’1,20%, senza tener conto delle spese di registro, catastale e ipotecaria, ma considerando solo quelle notarili (per l’atto di acquisto e di mutuo) e di agenzia (di solito al 3%), si andrebbe a pagare 750 euro al mese. Quindi, a conti fatti, per un giovane under 36 questo potrebbe essere un buon momento per acquistare casa, visto che la rata del mutuo potrebbe essere addirittura inferiore al canone di affitto.