Cancro al seno nelle donne con carenza di Vitamina D, lo studio rileva anche l’incidenza del colore della pelle

Il cancro al seno è un flagello che colpisce ogni anno milioni di donne in tutto il mondo. Gli scienziati però hanno scoperto qualcosa di molto interessante.

Secondo una recente analisi condotta a livello mondiale, tantissimi bambini e neonati soffrono di carenza di Vitamina D. Non solo, uno studio molto approfondito ha trovato una relazione tra cancro al seno e alcune donne che non assumono abbastanza Vitamina D. Sono state riscontrate differenze di salute anche nelle pazienti dalla pelle diversa.

cancro al seno
Adobe Stock

Il tumore al seno è un tipo di neoplasia che affligge milioni di donne in tutto il mondo, ed è la prima causa di mortalità proprio per molte. Fortunatamente, una massiccia campagna informativa, nonché esami diagnostici precoci gratuiti, sono armi molto efficaci. Grazie alla diffusione di semplici linee guida, le donne possono eseguire regolarmente anche auto-test, così da prendere per tempo il tumore e aumentare la percentuale di probabilità di sopravvivenza. Oggi abbiamo un’informazione in più, che sarà preziosissima per prevenire ancora meglio questa terribile malattia.

Cancro al seno e Vitamina D, cosa hanno scoperto gli scienziati

Un team di ricerca americano ha scoperto che le donne, se non assumono abbastanza vitamina D, sono maggiormente esposte al rischio cancro al seno. Non solo, anche il colore della pelle sembra sia un fattore di predisposizione che concorre all’insorgere della malattia.

Le donne bianche, tra tutte quelle analizzate dal team di ricercatori, hanno mostrato più probabilità di manifestare un cancro al seno. I soggetti presi ad esame sono stati quasi 2000. Più nello specifico, 1.300 donne di colore e 562 donne ispanico-latine. Sono state osservate per ben 9 anni e alla fine di questo periodo di tempo i ricercatori hanno pubblicato i risultati.

290 donne nere e 125 donne ispaniche hanno sviluppato un tumore al seno. Analizzando i livelli di vitamina D delle donne che si sono ammalate nel corso dello studio, è emerso che livelli troppo bassi sono connessi ad un rischio maggiore di sviluppare il tumore al seno (+21%). Al contrario, le donne con buoni livelli di vitamina D nel sangue mostrano una maggiore resistenza al tumore al seno: del 48% per le donne ispanico-latine e dell’11% per quelle di colore.

Un’altra considerazione che è stata fatta dai ricercatori ha purtroppo poco a che vedere con la malattia in sé. Sebbene le donne bianche sviluppino maggiormente un tumore al seno, sono quelle di colore che muoiono di più. Questo è certamente il risultato di una diseguaglianza sociale, di un diverso trattamento sanitario riservato ai soggetti in base alle disponibilità economiche. E forse anche di una mancanza di divulgazione di informazioni che potrebbero salvare più vite.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e riguardano studi scientifici pubblicati su riviste mediche. Pertanto, non sostituiscono il consulto del medico o dello specialista, e non devono essere considerate per formulare trattamenti o diagnosi)